News & Press

Diario di Produzione

Una storia di perseveranza

Quando è saggio mollare? Quando è il momento giusto di darsi per sconfitti? Quando è doveroso ammettere di aver fallito?
Come è possibile andare avanti quando nessuno crede in te… nemmeno te stesso?

Queste sono le domande che nel corso di 18 mesi ci siamo fatti più e più volte chiedendoci se davvero la vetta fosse troppo ambiziosa per le nostre forze, interrogandoci sul fatto che forse un film è qualcosa che andava ben oltre le nostre possibilità e la nostra resistenza.

Ma non ci siamo arresi. Nonostante tutto non lo abbiamo mai fatto.

Perché?

Perché il sollievo iniziale, quello di sedersi sconfitti sul ciglio della strada a leccarsi le ferite, sarebbe stato solo momentaneo… Il dolore per aver mollato, per essersi arresi, sarebbe giunto come un veleno capace di intossicare ogni cosa e rendere tutto così triste, così inutile, così maledettamente insopportabile.

Non ci siamo arresi semplicemente perché non eravamo soli.

Al nostro fianco avevamo i migliori collaboratori che questo film potesse desiderare: il nostro regista, Riccardo Salvetti, il nostro direttore della fotografia, Massimo Gardinie la troupe più combattiva, tenace e determinata con la quale abbiamo mai lavorato.

Al nostro fianco avevamo migliaia di persone, decine di associazioni, istituzioni e molti, molti altri che questo film lo hanno voluto con tutto il cuore, sostenuto con coraggio e passione e che ora attendono solo di vederlo.

Il viaggio è terminato. Il film è concluso ed è un gran bel film. Credetemi!

Eppure sotto sotto il vero viaggio inizia adesso, quello che porterà questa pellicola di fronte alle persone che lo hanno voluto.

E noi non vediamo l’ora!

 

Photo by Pier Paolo Longo ©

X